Segni di un commerciante con marche estere con l'impressione, tra rivenditori e marche c'è un collegamento contrattuale, è una violazione del marchio, i diritti di marchio non sono esaurite

1. Riporta la registrazione nel negozio firma un marchio concessionario di un produttore falsamente rappresentare, tra concessionari e costruttori c'è un collegamento contrattuale, la funzione di origine del marchio è influenzata negativamente estero; le barriere protettive dei § § 23, 24 Trademark non intervengono in questo caso.

2. E 'in tal caso non prima che il proprietario del marchio contro la violazione nel corso di un periodo più lungo, nonostante – così come il reo sa – nel rispetto del dovere di osservare lo colpisce l'infortunio avrebbe riconosciuto, , La differenza risultante dalla richiesta di risarcimento danni incamerata; non incamerata, però in questo caso è il diritto dei marchi ingiuntivo.

OLG Frankfurt am Main vom 21. Marzo 2013 CERTIFICATO 6 Voi 170/12 – Insegne dei negozi

Tenore

In appello, il convenuto sia il più 28.6.2012 ha annunciato il verdetto 3. Camera del Landgericht Frankfurt aM Civile. M. parzialmente modificato il.

La sentenza contumaciale del Tribunale distrettuale di 1.3.2012 è mantenuto con la condizione, che

– nella Sezione II. 1. il dispositivo della sentenza contumaciale tra "... Secondo la sezione I," e "impegnato ..." e nella sezione III. il dispositivo della sentenza contumaciale tra "... azioni" e "origine è ..." è inserito rispettivamente: "Dal 1.1.2011"

– nella sezione III. il dispositivo della sentenza contumaciale sostituirà le parole "ricorrente" con le parole "la Fa. X Elektrogeräte GmbH & Co. KG ".

Inoltre, la sentenza contumaciale e ha respinto l'azione è annullata.

L'ulteriore ricorso è respinto.

Delle spese del procedimento il richiedente ha 1/5 e il convenuto 4/5 di indossare tranne causato dalla invocazione del Tribunale regionale non competente di costi Kassel, a carico del richiedente in anticipo.

Questo giudizio e la sentenza è provvisoriamente esecutiva. L'imputato, l'esecuzione di sicurezza per un importo di 30.000,- € scongiurare, se il richiedente non riesce a fare prima di eseguire la sicurezza dello stesso importo. Il richiedente può far valere attraverso la sicurezza per un importo di 120 % girare a causa della quantità della sentenza esecutiva, a meno che il convenuto prima della esecuzione della sicurezza per l'importo 120 % ciascuna dell'importo garantito da eseguire.

Il valore della controversia sul processo di appello è 45.000,- Set €.
Motivi

Io.

Su gli accertamenti di fatto nella sentenza, ha presentato ricorso contro il convenuto in piena, Riferendosi (§ 540 Io, 1 ZPO).

In appello, la ricorrente sostiene l'ausiliario, Visto il marchio e il loro diritto ID aziendale, caduto e modifica la richiesta di informazioni, come mostrato di seguito. In aggiunta, ripetere e approfondire entrambe le parti soccombenti in primo grado; per maggiori dettagli, vedere le seguenti spiegazioni in II. di riferimento e protocolli nonché dei sistemi.

La convenuta,

modificare la sentenza impugnata e di respingere il ricorso.

La ricorrente sostiene,

respingere il ricorso, con la condizione, che nel capitolo III. la sentenza in contumacia da 01.03.2012 sostituendo le parole "ricorrente" dalle parole "da X Electric GmbH & Co. KG ".

II.

Il ricorso è in parte consentito nel caso di successo.

1. Mentre il tribunale distrettuale ha adottato con motivazioni adeguate, il richiedente è - per mezzo di azione ammissibile rappresentante per la Fa. X Elektrogeräte GmbH & Co. KG asserito – Pretesa omissione ai sensi del § 14 II Nr. 2, Marchio V, in quanto la contestata negozio pubblicità esterna del convenuto ha violato la querela marchio ....

L'omissione nel dispositivo della sentenza di default di 1.3.2012 pubblicità esterna concretamente riprodotto dell'imputato dando il - indubbiamente erroneo - impressione, tra l'imputato e il proprietario della querela marchio esistito particolari rapporti contrattuali. Il marchio "X" si trova sia accattivante come i segni al neon e sulla parte superiore della finestra di visualizzazione. Anche se questo è vero anche per gli altri due marchi menzionati qui ("A" und "ElektroA"), perché il traffico non è assunto, passatempi convenuto esclusivamente di prodotti "X". Ma questo è l'assunto, se l'imputato (ciascuno facoltativamente anche) Concessionario per la marca "X", non preclude. Questa ipotesi è confermata, in particolare,, che la ricorrente non ha contestato i dispositivi venduti in passato solo attraverso un sistema di rappresentanti. Quindi sa il traffico, che i dispositivi di "X" non sono certo facilmente riguardano il libero scambio. Pertanto, se un commerciante, il marchio è così visibile come il convenuto, Deve sorgere l'impressione, questi commercianti hanno - a differenza di altri rivenditori di materiale elettrico – qualsiasi rapporto contrattuale con il produttore. Contrariamente a quanto sostiene il convenuto che il consumatore medio non è particolarmente la mia, proprio a causa del conto gestito da rappresentanti produttore del sistema sono esclusi dalla, che il convenuto con questa manufacturer'm nei rapporti contrattuali. In considerazione della particolare prominenza del marchio "X" nella pubblicità esterna, la conclusione è piuttosto vicina, l'offerta del convenuto giaceva una deroga al sistema di distribuzione di solito basato.

Senza successo, il convenuto si basa sul fatto, in vetrina e la porta d'ingresso della sua azienda negozio è situato il messaggio "no concessionaria". Tale credito può contrastare il rischio di inganno solo descritto, se non riesce a vedere la situazione richiede consumatore medio attento, quando si prende atto del marchio. Questa condizione è evidenziata dalle fotografie, che assume il divieto relativo, non soddisfatte nel caso di specie; perché mentre c'è il nome di "X" può essere chiaramente visto, Nota, l'aggiunta di più piccolo rappresentato al massimo essere letta con difficoltà. Quali sono i requisiti per cancellare riconoscibilità una dichiarazione aggiuntiva in dettaglio, non è quello di discutere ulteriormente nella presente decisione, perché il provvedimento ingiuntivo basato unicamente contro la riprodotto nel modulo di domanda la violazione specifica.

Dal marchio associato con l'utilizzo contestato fuorviante per il pubblico circa inesistenti in verità rapporti contrattuali del convenuto con il titolare del marchio segue tuta, che la funzione di origine del marchio è influenzata negativamente (VGL. questa Corte IIC 2010, 445 - Google France und Google; Tz. 84). Tra l'avversario carattere ulteriore confusione ai sensi del § 14 II Nr. 2 Trademark. Infine, a causa del rischio di inganno citato anche attaccare le barriere protettive dei § § 23, 24 Trademark non un. A sostegno può essere fatto per le dichiarazioni rilevanti nella sentenza impugnata riferimento.

Il motivato dalla violazione atto ingiuntivo (§ 14 V Markeng) Non è incamerata, come non sono soddisfatte le condizioni specifiche previste.

Im Allgemeinen beschränkt sich die Rechtsfolge der Verwirkung im Marchio esso, che il titolare del marchio non può più far valere i propri diritti di marchio in termini di violazioni dei diritti già commessi o ancora in corso; un "assegno in bianco per le future violazioni dei diritti di proprietà" non è quindi di solito associato (VGL. ultimo BGH 2012, 928 - Honda-Grauimport; Tz. 23 ff.). La decadenza della domanda di marchio per decreto ingiuntivo viene dopo che il Tribunale federale (VGL. riferimenti nella Ingerl / Rohnke, Trademark Act, 3. Aufl.Rdz. 46 al § 21 m.w.N.) solo eccezionalmente essere considerati, - Se l'autore della violazione ha eseguito a causa del tempo più lungo preso violazione di marchio acquisito un prezioso acquis - a parte la presenza di altri Verwirkungsvoraussetzungen, avrebbe perso seguendo il desiderio di omissione.

Tuttavia, per una tale acquis di valore, l'imputato non può validamente. Poiché il convenuto non sia impedito da ingiuntivo su di esso, la distribuzione di usato "X"- Continuare equipaggiamento e parti di ricambio Perciò; è costretto solo, la sua pubblicità precedente così - attraverso una chiara indicazione della mancanza di proprietà rivenditore – cambiare, che il rischio di inganno descritto sopra è evitato. Lui che questo - oltre ai costi sostenuti per – porterebbe un notevole svantaggio economico, non è evidente.

2. Spiega in parte il ricorso riguardi, in cui riguardano la ricorrente, in base alle informazioni concesso dal tribunale distrettuale- e determinare richieste di risarcimento danni basata. Anche se il proprietario della querela marchio è il risultato di l'atto di contraffazione, una domanda di risarcimento danni (§ 14 WE MarkenG) e una richiesta informazioni valutazione dei danni al reclamo (§ 242 BGB) creato; in particolare, la corte distrettuale ha affermato l'entità colpa richiesto dalla legge imputato. Tuttavia, queste affermazioni sono annullate (§ 242 BGB), dove gli atti di violazione del convenuto di 31.12.2010 influenzato.

Per la decadenza della domanda di risarcimento danni per violazione di un marchio, non è necessaria la violazione di un prezioso acquis (VGL. Ingerl / Rohnke a.a.O., Rdz. 47 al § 21 m.w.N.). Si va da, che l'autore della violazione, tenendo conto delle circostanze complessive, soprattutto a causa del comportamento del titolare e la tempistica realizzato, il loro legittimo affidamento potrebbe derivare, il proprietario del marchio farà dopo tanto affermazioni lunga più affermate di risarcimento per violazione di querela marchio. Da parte del titolare della decadenza non richiede necessariamente la conoscenza della violazione del marchio; raggiunge anche la violazione di un obbligo di controllare il mercato, dove l'esistenza di un tale obbligo delle circostanze complessive dipende (VGL. Ingerl / Rohnke a.a.O., Rdz. 35 m.w.N.). Allora ecco un decadenza del diritto al risarcimento, in ogni caso per il periodo predominante di recupero per affermare.

Negli anni 2003/2004 corrispondenza guidato tra le parti concluso, che il convenuto ha annunciato, le informazioni mancanti dal richiedente "no concessionaria" sarà fissato in modo permanente da un adesivo lamina in futuro (Lettera di avvocato 2.3.2004, Bl. 91 d.Ä.); il richiedente ha risposto, che in queste circostanze contro la pubblicità incriminata preavviso qualsiasi cosa c'era di sbagliato, se presente avviso sarà collocato in prossimità del marchio e non troppo piccole in relazione al nome del turno sarà X (Lettera di 5.3.2004, Bl. 69 d.Ä.). A questo scopo, il convenuto non ha sollevato; in particolare, egli non ha promesso, per adempiere a tale ulteriore requisito, preso o una dichiarazione di, come il suo futuro pubblicità è progettato specificamente.

Dopo che era almeno incerto, se l'imputato annunciata dalla vignetta soddisferebbe i requisiti del richiedente. La ricorrente è stata quindi tenuta a verificare, nel senso di essa assunto l'obbligo di monitoraggio del mercato, come sarebbe il futuro assomiglia pubblicità del convenuto. In realtà, lei ha più di un periodo di sei anni e nove mesi (bis zur Attenzione da 9.12.2010) non effettuato tale revisione e non anche registrata con l'imputato.

Date le circostanze presentato il fatto citato- e momenti nel tempo, a giustificarlo, il legittimo affidamento del convenuto, che il richiedente di una situazione attuale di violazione del marchio da parte le sue insegne in ogni caso nessuna richiesta di risarcimento danni - che possono raggiungere una notevole altezza al metodo di calcolo della analogia licenza – renderebbe più richieste.

Senza successo, la ricorrente fa riferimento in questo contesto, che il convenuto nella lettera del suo avvocato 2.3.2004 il nuovo avviso promessa "di- avere e vendita di attrezzature usate X "in realtà non appropriato all'indomani del suo negozio. L'imputato ha contestato la di lei risposta 5.3.2004 (primo comma) reso assolutamente chiaro a vedere, che lei è stato determinante per l'applicazione di una sufficientemente chiara indicazione "no concessionaria". Per l'annunciata dal convenuto a nuovo ordine "per- e le vendite ... ", ha semplicemente dichiarato nel secondo paragrafo della lettera, tuttavia, l'imputato può decidere, se voleva attaccare tale ulteriore nota chiarendo. In queste circostanze, il convenuto aveva il diritto di fare affidamento su, Si noti che questo ulteriore per eliminare la condizione di errore, anche dopo il parere del richiedente non era necessario.

Der zu Gunsten des Beklagten begründete Vertrauenstatbestand endete allerdings mit der erneuten Attenzione der Klägerin vom 9.12.2010, dopo che l'imputato potrebbe reinsediare sul rischio e aveva, ad essere esercitato per il periodo successivo, nel caso di violazione del marchio per i danni. In questo caso, il convenuto un certo periodo di esame sarà concesso, in modo che il Verwirkungseinwand contro la richiesta di risarcimento danni per la violazione di 1.1.2011 non si applica più.

I danni dichiarative- Auskunftsaussprüche ed erano quindi limitati nel tempo come risulta dal tenore.

3. I costi si basano sui § § 92 Io, 281 III ZPO, la decisione sulla provvisoria esecuzione del § § 708 No.. 10, 711 ZPO.

Le condizioni per l'impugnazione (§ 543 II ZPO) non sono soddisfatti.

Si prega di valutare

Per ulteriori informazioni: