L'amministrazione può essere negato, per dare il premio a un'offerta, era precipitato estremamente basso solo a causa di un errore di calcolo da parte del venditore

Errore di calcolo al momento della presentazione di un'offerta contro amministrazioni aggiudicatrici

Responsabile per le controversie in materia di procedure di appalto X. Sezione civile ha deciso oggi, le condizioni in cui si è negato un'amministrazione aggiudicatrice, per dare il premio a un'offerta, era precipitato estremamente basso solo a causa di un errore di calcolo da parte del venditore.

L'offerente ha determinato la costruzione di strade per un costo di circa. 455.000 € Offerto. Il prossimo miglior prezzo pari a circa. 621.000 €. Prima di aggiudicazione di un appalto, ha detto l'amministrazione aggiudicatrice, di aver scelto un approccio sbagliato in una posizione ammontare dell'offerta, e ha chiesto l'esclusione della sua offerta per la valutazione. Questo non piacque il paese convenuta dopo, ma data l'offerente l'appalto. Poiché questo non è stato eseguito il contratto sulla base della sua offerta presentata, entrato nel paese indietro dal contratto e assunto un'altra società, le prestazioni rese ad un prezzo superiore. I costi aggiuntivi richiesti dal paese offerente originariamente responsabile a titolo di risarcimento.

La corte distrettuale ha negato una richiesta di risarcimento danni in campagna. La nomina del Paese è rimasto senza successo.

Il Tribunale federale ha tenuto, che l'amministrazione aggiudicatrice contro di lui da § 241 Abs. 2 BGB *) obblighi imposti violazione pensosità, se vuole mantenere l'offerente nell'esecuzione del contratto a un prezzo, sulla base di un errore di calcolo significativa. Il Tribunale federale ha chiarito questo, che non è sufficiente, per quanto lieve, di un errore in questo senso e che deve essere garantito, che un offerente scartare sotto il pretesto di errore di calcolo di un volutamente molto bassa Offerta calcolato, perché sente di essere dannoso, come per se stesso in retrospettiva. La soglia per la violazione del dovere aggiudicando l'appalto ad un prezzo soggetto a errori di calcolo, ma eccezionalmente essere superata in materia di appalti pubblici, se semplicemente non può più aspettare da offerenti da un'amministrazione ragionevole prospettiva commerciale, con il prezzo erronea calcolato come un rendimento ancora approssimativamente equivalente per il servizio di costruzione, Consegna- o per essere un servizio di contenuti. Si comporta ed esegue il client nondimeno la conclusione del contratto causato, egli non può chiedere i danni da offerenti che non rispettano il contratto, se l'opera in questione è stata eseguita in seguito solo ad un prezzo superiore a quello calcolato erroneamente dall'offerente. Le condizioni per un notevole stesso errore di calcolo grado ha affermato correttamente la Corte d'Appello, con la grande distanza in più tra il soggetto a errori e di offrire la prossima offerta di particolare importanza.

* § 241 Obblighi nel rapporto contrattuale

(1) Virtù dell'obbligo, il creditore ha diritto, di esigere dal debitore potere. Le prestazioni possono anche esistere in una mancata.

(2) L'obbligo può, nel suo contenuto a qualsiasi parte di considerazione per i diritti, Intraprendere tutela giuridica e interessi, dall'altra.

Sentenza 11. Novembre 2014 – X ZR 32/14

LG Hannover - Giudizio 24. Giugno 2013 - 19 Il 90/12

OLG Celle - Sentenza 20. Febbraio 2014 - 5 Voi 109/13

Si prega di valutare

Per ulteriori informazioni: